SANT’ AGATA DI MILITELLO si ribella e il racket colpisce

Giornale di Sicilia (7 marzo 1992)

La guerriglia continua. Ancora attentati contro i commercianti che si ribellano al “pizzo”. Mercoledì sera e’ stato preso di mira il negozio di un altro socio dell’ Acis, l’organizzazione antiracket nata a Sant’Agata di Militello. E’ il quarto avvertimento mafioso nel giro di una settimana, nel triangolo Tortorici, Sant’Agata, Capo d’ Orlando. Un segnale inquietante alla vigilia della manifestazione antimafia indetta per oggi. Nel mirino delle cosche il negozio di calzature di Biagio Olivo. Gli uomini del racket hanno forzato la porta quindi hanno appiccato il fuoco. Ma l’ immediato intervento dei pompieri ha evitato che l’incendio si propagasse. Intanto oggi Sant’ Agata si fermerà per una grande manifestazione indetta da sindacati e organizzazioni di categoria. Saracinesche abbassate, scuole e uffici chiusi, la gente in piazza con il segretario generale della Cgil Bruno Trentin e il vescovo di Patti Ignazio Zambito. Ma il paese comincia a subire i primi contraccolpi di questo stato di tensione e la paura potrebbe vincere la voglia di ribellarsi.

Annunci

Pubblicato il 7 marzo 1992 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: